Società ginnasta Andrea Doria Genova
stella d'oro al merito sportivo
MENU
17/03/18 ANDREA DORIA - IMPERIA Serie C gir. Toscana
Società Ginnastica Andrea Doria | palestra genova centro | piscina nuoto genova | tennis genova

SG Andrea Doria - palestre per ginnastica ritmica genova | corso di nuoto genova | bocce tiro al volo | tennis fit 17/03/18 ANDREA DORIA - IMPERIA Serie C gir. Toscana

17/03/18 ANDREA DORIA - IMPERIA Serie C gir. Toscana

Arriva la terza sconfitta consecutiva :

Andrea Doria - Imperia : 5-12

(1-3)(2-3)(0-4)(2-2)

Niente da dire, Imperia è chiaramente la squadra che vincerà il campionato, troppo forte per qualsiasi avversario.

Resta però una grandissima amarezza da evidenziare :

Per la terza settimana consecutiva usciamo dalla vasca con le ossa rotte, abbiamo evitato di scrivere commenti con Livorno e Prato per cercare di non cadere nella più classica delle considerazioni da parte anche dei lettori : "Hanno perso e si lamentano dell’arbitraggio..."

A questo punto però, dopo oggi, diventa doveroso lanciare un grido di allarme :

La pallanuoto si sà è uno sport di contatto, uno sport fisico, dove tutto sommato qualche colpo basso è sempre esistito anzi, fa parte del gioco. Adesso però sta succedendo che, complice la crisi profonda che sta letteralmente devastando il nostro sport, la carenza di arbitri costringe i vari comitati a designare arbitri giovanissimi assolutamente inesperti e  non in grado di governare partite con situazioni "critiche". Il rischio MOLTO SERIO , è che prima o poi qualcuno si faccia davvero male, il bollettino alla fine di ogni partita è sempre più pesante.

Oggi i nostri ragazzi sono stati brutalmente picchiati almeno fino a metà del terzo tempo, solo a risultato acquisito gli avversari hanno chiaramente smesso di prendere a pugni i nostri giocatori. 

 L’apice si è raggiunto a fine secondo tempo quando Miceni, esausto dai colpi presi e dopo aver ricevuto un pugno in faccia che gli ha provocato un vistoso taglio al labbro reagisce con una gomitata e viene letteralmente preso a pugni in faccia da tre giocatori che si sono fermati solo dopo avergli rifilato almeno due cazzotti a testa.... linciaggio in piena regola..... Il tutto facilmente visibile perchè accade al centro boa, isolato, con arbitro fermo a 5 metri a guardare eppure... un cartellino rosso Andrea Doria e un cartellino rosso Imperia..... quindi libertà agli altri di continuare a picchiare....  e non solo...nel prosieguo della partita Andrea Doria subisce altre due triple espulsioni a dir poco pazzesche nel terzo tempo causa evidente stato di difficoltà da parte dell’arbitro che non capisce simulazioni o comunque astuzie di vario tipo e punisce chi non c’entra nulla.....

Pazzesco sul finire del quarto tempo non vedere un giocatore Imperia arrivare solo davanti al portiere in controfuga , fare gol e rifilare un calcio in faccia gratuito al nostro dietro che lo seguiva.... soli !!! e arbitro perfettamente in linea !!!!

 Impossibile non vedere perchè, ripetiamo, l’arbitro guardava, era sempre perfettamente posizionato, nel dubbio poi bastava vedere il medico con il cotone macchiato di sangue per Miceni oppure, incredibile ... Urdì con il dito indice che perdeva sangue a volontà completamente lacerato da un  morso !!! , si tratta solo di inesperienza e in questo caso anche di timore reverenziale. Non riuscire a vedere e capire determinate situazioni significa indirettamente autorizzarle e le partite sfociano in violenza. Esattamente come accaduto a Prato sabato scorso quando prima Briganti dopo una "gragnuola" di colpi riceve un pugno diretto in faccia che gli provoca un brutto ematoma all’occhio destro, poi Moraci riceve tre pugni consecutivi di cui uno allo zigomo che gli provoca capogiri e vomito e così ancora per Marenco e poi ancora Miceni, risultato... nessuna espulsione, l’arbitro vede, chiede scusa, gli dispiace ma ... tutto regolare...., per poi non parlare del sabato prima con Livorno, un incredibile campionario di  scorrettezze ad arbitro voltato ..... 

 Non ci resta quindi che chiedere a gran voce una maggior attenzione e soprattutto MAGGIOR TUTELA PER I GIOCATORI, possibilmente non sarebbe male anche un aiuto da parte delle giurie che spesso non guardano il gioco o che comunque non sono qualificate per occupare quel ruolo o peggio ancora essendo territoriali si girano dall’altra parte e fanno finta di non guardare addirittura oggi per un incomprensione tra GUG Ligure e Toscano la giuria non c’era proprio e si sono seduti al tavolo due dirigenti con l’arbitro della partita dopo !!! ....  le risposte agghiaccianti degli arbitri a fine gara continuano ad essere.... Avete ragione.... mi dispiace.... vi capisco..... , NON VA BENE !!!

Questo è un altro sport, non è la pallanuoto che ci piace ! che si faccia di tutto per fermare queste violenze insensate altrimenti prima o poi qualcuno veramente si fa male e allora sono dolori  .....

 

Andrea Moraci (D.S. Settore pallanuoto)